DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

Bibliografia

Spessissimo mi sento chiedere un suggerimento per un libro su... sul Mac OS o sul PHP, sul funzionamento di Internet o sul senso della vita, non importa. Provo a dare una risposta cumulativa: ma permettetemi di prenderla un po' alla lontana. Questa paginona contiene un elenco ragionato dei libri che più ho amato in vita mia. Non solo i manuali tecnici meglio spiegati, ma anche i saggi più intriganti, i romanzi più affascinanti e persino - concedetemelo - qualche splendido fumetto.

Di ogni testo riporto l'editore italiano. Ma se cliccherete il titolo verrete trasportati sul sito inglese di Amazon e potrete comprare il volume in lingua originale. Lo so, lo so, leggere un libro in inglese è per quasi tutti una gran fatica. Ma, fidatevi di me, qualsiasi traduzione sacrifica davvero tanto. E poi, come imparerete a leggere senza fatica l'inglese se non vi mettere a leggere in inglese? Ah, il link porta sempre alla edizione economica, mai a quella rilegata: se vi interessa quest'ultima dovrete cercarvela.

Saggistica

Detesto il modo italiano di scrivere un saggio: e cioè utilizzando paroloni incomprensibili, scrivendo frasi lunghe cinque pagine, disseminando citazioni in lingua urdu senza tradurle. Amo lo stile dei (migliori) divulgatori americani: discorsivo, divertito e divertente, ricco di aneddoti e notizie intriganti. Vi cito allora in questo spazio solo un numero limitatissimo di libri che stanno in cima alla mia lista personale. Libri bellissimi, che si leggono come un romanzo di quelli che non riesci a mettere giù, testi che vorrei tanto aver scritto io.

copertina

Diamond, Jared

Armi, acciaio e malattie. Breve storia del mondo negli ultimi tredicimila anni

Einaudi

Un biologo che scrive un libro di storia? Sì, e che storia! Diamond dedica il libro a rispondere alla domanda che gli fece anni fa un politico della Papua Nuova Guinea: perché gli europei hanno conquistato il resto del mondo e non è accaduto il contrario? Nel rispondere, Diamond presenta innanzitutto i motivi immediati -- la disponibilità di armi più potenti basate sull’acciaio nella tecnologia a disposizione degli europei, più la esistenza di malattie infettive perniciose che hanno sterminato i popoli con cui gli europei sono venuti in contatto. Ma il fascino del libro diventa fortissimo quando Diamond prende in esame i motivi di quei motivi: perché in Europa la tecnologia e le malattie hanno raggiunto quei livelli e altrove ciò non è successo? Strada facendo si scopre come sono nate l’agricoltura e l’allevamento, come si sono evolute le malattie infettive, quali alfabeti sono originali e quali sono nati per emulazione e mille altri affascinanti argomenti.

L’edizione originale americana è aggiornata al 2003, quella italiana è la tradizione della prima edizione. Il libro ha vinto il premio Pulitzer e ha venduto oltre un milione di copie nel mondo.

copertina

Hawking, Stephen

Dal big bang ai buchi neri

Rizzoli

Scontato segnalarlo? Forse sì, è un libro tanto famoso... ma giustamente tale.

copertina

Negroponte, Nicholas

Essere digitale

Mondadori

Negroponte è il fondatore del famoso Media Lab del MIT. Le idee che espone in questo libro — dove sostanzialmente tratteggia l’inevitabile migrazione da un mondo analogico a un mondo digitale — hanno guidato le menti più brillanti dell’industria informatica negli ultimi dieci anni, dal boom di Internet in poi. Alcuni concetti oggi sembrano quasi ovvi, ma dieci anni fa l’uomo era visto come un mezzo pazzo visionario. Altri concetti... meritano riflessione ancora oggi. Impossibile essere d’accordo su tutto, improbabile non restare affascinati dalla sua visione.

copertina

Pinker, Stephen

L’istinto del linguaggio

Mondadori

Pinker è un docente del MIT, allievo di Chomsky -- che, per chi non lo sapesse, è uno scienziato che ha rivoluzionato sia la linguistica che l’informatica moderna. A differenza di Chomsky, Pinker scrive in uno stile spigliato e leggibilissimo. Il tema di questo libro? Se vi chiedessero cosa distingue l’uomo dall’animale sicuramente citereste subito l’intelligenza. Dopo un po’ di riflessione probabilmente aggiungereste la capacità di costruire e usare strumenti. Pinker sostiene e dimostra l’esistenza di un terzo fattore: la istintiva e irrefrenabile capacità di inventare e usare un linguaggio parlato.

Il libro è rimasto per mesi nella classifica dei dieci titoli più venduti d’America.

copertina

Pratkanis, Antorny e Aronson, Elliot

L'età della propaganda

Il Mulino

La propaganda è ovunque: non solo nella pubblicità ma anche nella religione propugnata da certe sette. Nella politica è diventata l?arma con cui i partiti cercano di strapparci il voto (e ha sostituito il democratico dibattito di idee, fatto che personalmente considero pericolosissimo). Gli autori spiegano la basi psicologiche su cui si fondano le tecniche della propaganda, presentano tutte le tattiche che vengono adottate per convincerci a fare scelte per noi sconvenienti, suggeriscono metodi per difendersi dal lavaggio del cervello continuato che ci troviamo di fronte. Un potente vaccino per la mente, un libro intrigante.

Manuali

Testi tecnici scritti da qualcuno che conosceva l'argomento e sapeva scrivere in modo comprensibile: combinazione rarissima...

Bruce Schneier

Secrets and Lies: Digital Security in a Networked World

John Wiley & Sons

Un libro a cavallo tra la saggistica e la manualistica scritto da quello che io ritengo il massimo esperto al mondo di sicurezza informatica. Questo libro copre tutti i fondamentali dell’arte della sicurezza in un mondo digitale.

Romanzi

La mia passioncella personale, nel campo della narrativa, è la fantascienza. Poiché sono ben conscio della cosiddetta "legge di Sturgeon", secondo la quale il 90% delle opere d'ingegno umane sono spazzature (ovviamente la tesi vale anche per i film, i dischi eccetera, non solo per i libri e tantomeno solo per la fantascienza) mi limito a segnalare alcuni volumi che intrigheranno anche chi la fantascienza non la può proprio soffrire.

Fondazione

Asimov, Isaac

Fondazione

Bantam Boks; in Italia, Mondadori

L’opera quintessenziale della fantascienza dell’età dell’oro. Oggigiorno, con le idee che Asimov ha usato dentro questo volume, ci farebbero una intera collana di libri...

Honorverse

David Weber

Honorverse

Baen Books

Dopo l'undici settembre negli USA è nato un filone di narratica fantastica chiamato fantascienza militaristica di cui questo ciclo è uno degl esempi migliori. Ispirato alla vita dell'ammiraglio Nelson.

La compagnia dei celestini

Benni, Stefano

La compagnia dei celestini

Feltrinelli

Uno zuccherino, divertentissimo ma con la sua bella chiave di lettura di secondo livello. Se Daniel Pennac sapesse scrivere veramente bene sarebbe Stefano Benni. E che non si dica che consiglio solo libri inglesi.

Mistborn, l'ultimo impero

Brandon Sanderson

Mistborn, l'ultimo impero

Tor; in Italia, Fanucci

Questo autore di fantasy è straordinario per ingegno (i suoi libri sono costruiti con attenzione degna di un romanzo giallo) e innovatività (i suoi mondi sono tutti originali e interessanti). Ma il motivo per cui lo adoro è che nelle sue opere la magia segue leggi ferree. Qui uno dei compiti della nostra eroina è capire come funzionano davvero le cose.

Fumetti

Da bambino mi sono insegnato a leggere a colpi di Coccobill e Paperino. Da ragazzetto ho ingurgitato dosi massicce di supereroi Marvel. Non rinnego nulla e non mi vergogno di nulla - anzi, a mia volta ho somministrato dosi crescenti di Jacovitti e Carl Barks a mia figlia, che ne è entusiasta. Se i fumetti non li avete mai letti allora probabilmente adesso non li potete proprio sopportare: passate oltre. In caso contrario, date una occhiata a questa breve lista essenziale delle cose a mio parere imperdibili.

copertina

Miller, Frank

Il ritorno del cavaliere nero

Play Press

Questo è il fumetto che ha rilanciato il personaggio di Batman dopo decenni di mediocrissima insignificanza. È servito come ispirazione per il primo film sul personaggio, il quale a sua volta ha scatenato il trend supereroistico che riempie a tutt’oggi le sale cinematografiche (pensate agli X-Men, a Spiderman-uomo ragno, a Devil, a Hulk eccetera).

L’idea alla base del fumetto è originale e intrigante: Batman è ormai anziano e si è messo in pensione, ma a distanza di pochi anni dal suo ritiro la situazione in città è degradata al punto da costringerlo a tornare in azione nonostante i suoi acciacchi. Il suo ritorno però dà fastidio a molto e alla fine il governo si decide a inviargli contro addirittura Superman.

Una nota doverosa: la traduzione in italiano è una porcata inqualificabile. Il traduttore traditore semplicemente non ha capito parte del testo originale e ha riempito alcuni fumetti con parole insensate, che vi fanno perdere completamente il senso della vicenda. (Non so se le ristampe più recenti abbiano corretto gli errori, ma ne dubito). Comunque, il mio consiglio di acquistare la versione originale è ancor più forte in questo caso.

copertina

Moore, Alan e Gibbons, David

Watchmen

Play Press

Un’opera davvero inusuale: un fumetto che andrebbe letto con l’attenzione e la concentrazione che normalmente si dedica a Proust. Un fumetto studiato nei più minimi dettagli, la cui trama si snoda su più livelli -- nel tempo e nello spazio, nelle storie dei molti protagonisti, nei testi scritti che interrompono il disegno per approfondire o presentare un punto di vista differente su quel che sta succedendo.
Riassumere la trama di Watchmen sarebbe come cercare di semplificare la Divina Commedia dicendo che è la storia di un uomo che finisce all’inferno da vivo. Comunque, diciamo che la trama è la più lucida risposta possibile alla domanda “cosa succederebbe se al mondo esistessero davvero i supereroi?”

Leggi Girl Genius in linea

Phil Foglio

Girl Genius

Autoprodotto

Uno dei miei autori preferiti di fumetti (assolutamente sconosciuto qui da noi) sta mettendo in linea, una pagina al giorno, la sua ultima creazione. Chi ha visto o, meglio, letto, la "leggenda degli uomini straordinari" ci si troverà a suo agio: una stor