DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

È fiorito il DVD

DVD e programmi

Le applicazioni su DVD-ROM fanno timidamente capolino. Si comincia con una versione DVD di Riven, il seguito di Myst: grazie alla capienza dei nuovi superdischi il DVD-Riven offre sequenze animate più lunghe e dettagli maggiori. Lo stesso vale per il terzo e più recente capitolo della avventura The Journeyman Project, intitolato Legacy of Time (per entrambi, http://www.redorb.com). Abbiamo poi il famoso videogioco a cartoni animati che spopolò nelle sale giochi degli anni ottanta, Dragon's Lair (http//www.digitalleisure.com).
La maggior parte dei titoli sono però varianti di titoli educativi, multimediali o informativi che trovavano già posto su una batteria di CD, come le brillanti raccolte di pesci tropicali e di animali del Serengeti proposteci da Sumeria (Wild Africa e Oceans of Life, http://www.sumeria.com). L'esempio più significativo è forse la collezione del National Geographic: la più famosa rivista americana di viaggi, ambiente e animali ha raccolto tutti i suoi numeri, completi di oltre cento anni di testi e fotografie, su quattro dischi DVD. L'alternativa, capirete, è costituita da oltre cinquanta CD-ROM...


DVD e video

A Natale 1997 erano solo 200 i grandi film disponibili in formato DVD e in italiano. A questi si aggiungeva una quantità imprecisata ma certamente alta di film porno: pare che una delle nuove funzionalità rese possibili dalla tecnologia DVD — i punti di vista multipli su una stessa scena, ideali per seguire un concerto o una rappresentazione teatrale al meglio — sia molto apprezzata dagli amanti del genere...
I titoli disponibili oggi comprendono tutti i successi hollywoodiani e tutti i classici del film d'azione, da 007 in giù: sono questi infatti gli spettacoli che godono di più della qualità smagliante del video digitale. Ci sono anche i cartoni, a cominciare dai classici Disney, ma i puristi del genere storcono il naso perché quel che si è visto sin qui, qualitativamente, è meno di quanto sarebbe lecito pretendere dalla Casa del Topo.
Un lettore di DVD video da collegare alla televisione casalinga costa nel 2001 sul mezzo milione: ne hanno in cataogo almeno due modelli tutte le grandi case, Philips e Sony in testa. Per godere al meglio della proiezione, però, serve anche una televisione del tipo largo, il cosiddetto 16:9.
Chi voglia guardarsi i film sullo schermo del computer, invece, deve scegliere un modello dotato di lettore DVD e di software relativo, indispensabile per decrittare e decomprimere i dati video digitali che sono registrati sui dischi.


DVD e memorizzazione

Il DVD-RAM assomiglia per forma e dimensioni a un masterizzatore CD-R. Sui suoi dischi dorati di prima generazione, però, trovano posto ben 5 GB di informazioni (la metà su ciascuna facciata: le cartucce che contengono e proteggono il disco DVD riscrivibile si girano e reinfilano, come nei mangiadischi degli anni Settanta). Sui lettori di seconda generazione, lo spazio è addirittura doppio.
Il lettore DVD-RAM è enormemente superore al masterizzatore anche per una fondamentale caratteristica: non è necessario masterizzare i documenti in sessioni. La cartuccia viene vista dal nostro calcolatore come se fosse un disco rigido rimovibile, come un gigantesco Zip insomma, e noi possiamo aggiungere documenti, cancellarli e riscriverli in libertà.
Il DVD-RAM è anche molto più veloce di un masterizzatore. Non è paragonabile a un disco rigido, ma non c'è proprio da disprezzarlo: quando scrive i dati si muove a velocità 10x, quando li legge è un 20x. In pratica, la velocità in scrittura è un terzo di quella che caratterizza un disco rigido IDE; il lettura è veloce il doppio. Rispetto al masterizzatore ha un solo svantaggio: i dischi creati con un apparecchio DVD-RAM non sono leggibili su un comune lettore DVD-ROM (i dischi che masterizziamo, invece, sembrano comuni CD-ROM). Questo accade perché oggi i dischi DVD-RAM sono delicati e vanno custoditi in una cartuccia di protezione. Inoltre, non dobbiamo dimenticare che anche questo apparecchio appartiene alla famiglia DVD. Il DVD-RAM, dunque, può leggere i dischi DVD-ROM, i CD-ROM e tutte le altre varianti sul tema. Non può, badate bene, masterizzare un CD-R: unità DVD-RAM dotate di questa caratteristica sono allo studio, ma non appariranno sul mercato per qualche tempo. I DVD-R, come quelli di cui sono dotati di serie i Power Macintosh G4 più veloci, funzionano invece come un masterizzatore e sono incompatibili con i DVD-RAM.


Come funziona

Un disco DVD può contenere sino a 17.400 MB, contro i 650 di un comune CD. Il segreto: ogni disco può venire realizzando incollando insieme, schiena a schiena, una coppia di superfici colme di dati. Come in un vecchio LP, infatti, il DVD usa entrambe le facce, e va girato a metà. Ogni faccia contiene due strati di informazioni che vengono lette da un laser ad alta precisione.


Questo articolo fa parte di uno dei miei percorsi. Se vuoi saperne di più su questo argomento, visita il resto del percorso cliccando qui.