DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

I lavoratori erediteranno la terra

UNECE, una agenzia delle Nazioni Unite con sede a Ginevra, ha rilasciato il rapporto 2004 sulla diffusione dei robot nel mondo — intendendo con questo termine qualsiasi macchina che operi autonomamente, spesso sotto propulsione propria e in molti casi sostituendo un essere umano in un lavoro insicuro, scomodo o defatigante. Secondo gli esperti della commissione il numero dei robot nel mondo è cresciuto del 28% rispetto all'anno precedente ed destinato a crescere strepitosamente entro il 2007, quando faranno la loro comparsa anche in moltissime case. Lo studio, rilasciato nella forma di un corposo dossier di 414 pagine, è ricchissimo di dati e cifre: la sua lettura ci ha lasciati con una vera messe di appunti tra l'interessante e il divertente.
Nel mondo esistono almeno ottocentomila robot che lavorano nell'industria — la percentuale maggiore è in Giappone, che ne vanta 350.000, seguito dall'Unione Europea con 250.000 e dagli Stati Uniti con 112.000. In Svizzera i robot sono 3.480, di cui 240 installati nel corso dell'ultimo anno: il numero complessivo nel nostro Paese però è rimasto sostanzialmente immutato a causa del "pensionamento" di alcuni vecchi modelli — un robot ha una vita lavorativa compresa tra i 12 e i 15 anni. Il conservativo trend svizzero è pressappoco condiviso con il resto d'Europa, mentre lo stesso non si può dire di altre nazioni, dove il numero dell'installato è cresciuto anche in modo massiccio in conseguenza dell'industrializzazione e della crescita economica: è il caso di Taiwan, della Corea (che oggi dispone di 47.845 robot) e della Repubblica Ceca (con 1.445).
I robot sono molto diffusi nell'industria automobilistica, dove in media ne esiste uno ogni dieci operai umani. I lavoratori meccanici vengono utilizzati anche sott'acqua, per usi medicali, per la sorveglianza e la sicurezza, nella demolizione e costruzione di edifici, e persino nella mungitura automatica del bestiame. Il loro costo è molto variabile perché non ne esistono di "precotti" per l'industria ma essi vengono invece assemblati sulla base delle richieste specifiche dell'impresa; il cartellino del prezzo dei robot industriali quindi varia tra un minimo di diecimila e un massimo di trecentomila dollari (per i modelli subacquei, che sono i più costosi). Complessivamente, il valore di tutti i robot installati sulla Terra è di circa 2,4 miliardi di dollari.
Un capitolo a parte del rapporto è dedicato a tracciare la crescita in potenza e flessibilità dei robot nel tempo, che rispecchia quella dei personal computer. Dal 1990, quando le Nazioni Unite hanno iniziato a tenere traccia dello sviluppo nel campo, i lavoratori meccanici sono scesi di prezzo del 43%, pur migliorando nell'accuratezza dei movimenti (+61%), aumentando la capacità di raggiungere e manipolare oggetti lontani dal corpo (+36%) e perfezionandosi nella meccanica al punto di vedere una crescita del 137% nel periodo di tempo che passa mediamente tra un guasto e il successivo. Complessivamente, posto a cento il costo di un robot del 1990, il costo di un robot identico per caratteristiche tredici anni più tardi si sarebbe ridotto a meno del venti per cento.
Nelle case private del mondo esistono oggi circa 610.000 robot, quasi tutti acquistati e installati nell'ultimo anno. Sono principalmente robot-aspirapolvere, lanciati sul mercato nel 2001, che si muovono autonomamente e puliscono i pavimenti aggirando gli ostacoli. Esistono anche i robot-tagliaerba, nati nel 2003 e piuttosto simili nella logica d'uso. Quello casalingo è, secondo le Nazioni Unite, il segmento destinato a conoscere la maggior crescita; la stima è di circa 6.600.000 nuove unità vendute entro il 2007. Cresceranno non soltanto questi due impieghi, ma anche altre applicazioni come per esempio la pulizia delle piscine, il lavaggio di automobili e di finestre, e la sicurezza. Nel mese di novembre scorso, per esempio, la Fujitsu ha lanciato Maron, un robottino ambulante alto 32 centimetri, del peso di cinque chili e dotato di due telecamere. Esso si muove per casa seguendo un percorso prefissato. Può scoraggiare i ladri, operando gli elettrodomestici usando un telecomando universale all'infrarosso incorporato che gli permette per esempio di accendere i televisori. Se percepisce una intrusione fra le mura di casa, Maron fa suonare una sirena, scatta fotografie con le telecamere e le invia al telefono cellulare del proprietario.
Ci sono anche, e sono i più economici, i robot da intrattenimento: il più famoso è un cane robot prodotto da Sony, lo Aibo. Secondo lo studio esistono oggi 691.490 modernissimi giocattoli di questo tipo nel mondo, destinati a diventare due milioni e mezzo entro il 2007, per un valore complessivo di quattro miliardi di dollari di fatturato. Un successo analogo è predetto per i più complessi robot umanoidi, tanto amati dalla fantascienza (basti pensare al co-protagonista dorato di Guerre Stellari, il timido robot protocollare C3-PO). Le Nazioni Unite stimano che se ne produrranno circa 24.000 nei prossimi anni, da impiegare negli scopi più vari. Qualcuno farà l'intrattenitore (per esempio, ci saranno i robot pianisti) e qualcuno verrà impiegato nel marketing. Lo studio conclude con una predizione affascinante: "entro la fine del decennio non si limiteranno a pulire i nostri pavimenti, falciare i nostri prati, custodire le nostre case; i robot assisteranno anche gli anziani e i portatori di handicap, eseguiranno operazioni chirurgiche, ispezioneranno siti pericolosi, combatteranno gli incendi e smineranno le bombe". Che dire? Buon lavoro!


Questo articolo fa parte di uno dei miei percorsi. Se vuoi saperne di più su questo argomento, visita il resto del percorso cliccando qui.