DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

Le nuove consolle 2007

 

Sembra incredibile, ma è vero: da un paio d'anni ormai il fatturato mondiale dell'industria del gioco elettronico ha superato quella dell'industria cinematografica. Quest'anno, stando alle stime più attendibili, dovrebbe superare quello dell'industria discografica — tutta insieme, dalla classica alla leggera. Se procede di questo passo, nel 2008 il mondo dei videogame sarà più grande di cinema e musica sommati. Viste le premesse, è altissimo l'interesse destato nel settore da alcuni annunci della scorsa primavera che si stanno concretizzando proprio in queste settimane: e diventando nuovi prodotti sugli scaffali dei negozi.
Le novità hardware nel campo dei videogiochi sono infrequenti. Nel mondo dei personal computer l'innovazione è costante: se tornate dopo soli tre mesi nel negozio in cui avete acquistato il vostro fiammante PC nuovo scoprirete che nel frattempo hanno messo in vendita un modello leggermente più veloce, o con più memoria, o con il disco rigido più capiente — al medesimo prezzo. Nel mondo degli apparecchi per videogiocare, invece, l'innovazione precede a balzi. Ogni qualche anno i grandi produttori (il più famoso è Sony con la sua
Playstation) rilasciano apparecchi interamente riprogettati e grandemente migliorati. Questi consentono la progettazione di giochi di nuova concezione o la riscrittura di vecchi classici in un formato più elaborato, dettagliato, impressionante. Al lancio, le nuove consolle (con questo nome sono conosciute la Playstation e le sue rivali) vengono vendute sottocosto perché ciascuno dei loro componenti elettronici è una realizzazione recentissima. I produttori non si scompongono: sanno bene che le loro casse si riempiranno con la vendita del software, cioè dei giochi che vengono fatti girare sulla consolle. Non sono comuni programmi per PC, ma bensì realizzazioni concepite esclusivamente per questa o quella consolle.
Ma torniamo ai nuovi apparecchi, tutti destinati a vendere decine di milioni di esemplari nel corso dei prossimi tre-cinque anni, e a spopolare specialmente in occasione delle prossime festività. La prima ad apparire sugli scaffali è stata la
Xbox 360 di Microsoft: per arrivare per prima nei negozi, la casa di Bill Gates ha accettato di sacrificare le innovazioni tecnologiche e dunque si tratta della meno potente e innovativa tra le consolle di nuova generazione. Si tratta ad ogni modo di un apparecchio impressionante, soprattutto dal punto di vista della potenza di calcolo, e dal costo davvero modesto: sui quattrocento euro.
Ancor più stupefacente è la Playstation 3 di Sony, che in Europa arriverà solo per la primavera 2007. Il processore qui è addirittura doppio, la connessione alla rete Internet è possibile anche senza fili nell'ambito domestico, il
joystick contiene un accelerometro che riconosce gli spostamenti anche quando bastoncino e pulsante non vengono toccati. Il modello di punta, il cui prezzo sfiora la non indifferente cifra di settecento euro, comprende anche un disco rigido utilizzabile per salvare i giochi in progresso e un fiammante lettore per i nuovissimi dischi ottici ad alta definizione, i Blu Ray Disc. Collegata a un televisione moderno, nella modalità detta HDMI, la Playstation 3 può riprodurre film con una chiarezza da fare invidia allo schermo di un grande cinematografo.
L'apparecchio più interessante, però, è forse quello meno diffuso. Si tratta dell'offerta della Nintendo, destinato ad apparire nei negozi prima di Natale. Il costruttore giapponese ha concentrato le sue forze non tanto nell'apparecchio centrale quanto nel joystick, quel controllore che i giocatori impugnano per interagire. Wii, il joystick di Nintendo, non soltanto comunica senza fili con la
consolle, ma contiene anche una serie impressionante di sensori. Il Wii posizionato nella mano del giocatore, dunque, manda moltissime informazioni via onde radio al processore che si trova dentro la consolle. Impugnabile ad una o due mani, il Wii segnala posizione, accelerazione, direzione (dove è puntato, per esempio per fingere che sia una pistola). Emette suoni e può vibrare per segnalare una risposta alle nostre azioni. Per esempio, un gioco davvero impressionante da fare con il Nintendo è il golf: si impugna e tratta il Wii esattamente come una mazza, e quando il giocatore che ci rappresenta sullo schermo colpisce la pallina sentiamo una vibrazione nella nostra impugnatura virtuale.
Tre le aziende che competono in questo difficile mercato: la lucrosa vittoria andrà a chi riuscirà a presentare il maggior numero di nuovi titoli, che meglio facciano uso delle nuove potenzialità, entro Natale. I genitori alla lettura nel frattempo sospirino e si preparino a scucire i sudati quattrini: questa volta ci tocca.


Questo articolo fa parte di uno dei miei percorsi. Se vuoi saperne di più su questo argomento, visita il resto del percorso cliccando qui.