DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

Ada e Charles, geni incompresi

 

Ripubblico qui una pagina dal mio libro Da Terenzio a Internet perché oggi, per me che scrivo, ovvero il primo maggio 2008, una università americana è riuscita a realizzare lo Analytical Engine immaginato da Ada Lovelace e Charles Babbage quasi centocinquanta anni fa - e funziona!


Estratto dal capitolo 4

La prima persona della storia che veramente provò a costruire, fisicamente, un calcolatore è certamente Charles Babbage (1791-1871). Cittadino inglese, matematico, professore a Cambridge, Babbage ebbe l'idea di creare un meccanismo che potesse elaborare complessi calcoli analitici in modo automatico e lo progettò utilizzando l'unica tecnologia che, ai suoi tempi, era disponibile, e cioè le macchine a vapore. Ottenne un finanziamento dal Parlamento del Regno e si mise ardentemente al lavoro, ma le difficoltà ingegneristiche del progetto non permisero mai al suo prototipo di Difference Engine (motore differenziale) di funzionare a dovere.
I progetti di Charles Babbage non meriterebbero altro che una nota a piè di pagina nei libri di informatica, al capitolo primo, se non fosse per un episodio avvenuto nel novembre 1834, quando il professore durante una occasione sociale — un ricevimento offerto da Mary Sommersville, divulgatrice di matematica e traduttrice in inglese delle opere di Laplace — si trovò a chiacchierare dei suoi progetti con una diciottenne intelligente e dalla spiccata immaginazione: Ada Byron (1815-1852), la figlia del famoso poeta britannico. La ragazza stava ricevendo una educazione fuori dal comune per espresso volere di sua madre. Abbandonata dal marito una sola settimana dopo la nascita della figlia, lady Byron aveva preso in odio l'umanesimo in generale e i poeti in particolare e aveva dunque scelto per gli studi della giovane Ada la musica e la matematica. Quella sera dunque la ragazza si dimostrò molto ferrata in materia e diede inizio a una amicizia che doveva durare per tutta la vita.
Nel 1841 Babbage abbandonò i progetti dello Difference Engine in favore di un progetto ancora più ambizioso, lo Analytical Engine (motore analitico), un vero e proprio calcolatore generico che sarebbe stato in grado — nelle intenzioni del suo inventore — di eseguire qualsiasi sequenza di operazioni matematiche. Il Parlamento di Sua Maestà Britannica questa volta si era rifiutato di pagare il conto, visto che il progetto precedente non era giunto a compimento, e il professor Babbage si trovò a finanziare coi suoi risparmi lo sviluppo dello Analytical Engine.
In cerca di sostenitori, Babbage visitò l'Italia durante l'autunno, in occasione di un simposio a Torino. Qui conobbe Luigi Menabrea, che si offrì di redigere un saggio sulle idee e le proposte del professore inglese. Ada Byron, che nel frattempo si era sposata acquisendo il titolo di contessa di Lovelace, si offrì di tradurre l'articolo di Menabrea in inglese. Ma non si fermò a quel punto: con l'incoraggiamento di Babbage, Ada rimpolpò il testo originale di note, appunti ed idee personali, sino a quadruplicarne la lunghezza in occasione della pubblicazione.
Le note di Ada Lovelace, rilette oggi, sono straordinariamente moderne. La giovane contessa intuì e argomentò che un calcolatore programmabile si sarebbe potuto utilizzare non solo per la matematica ma anche per la composizione di musica e per elaborazioni grafiche; non solo da matematici e per matematici ma anche da persone comuni per scopi pratici. Ada intuì nel 1843 la natura di strumento universale che è propria del calcolatore, e non è cosa da poco se si pensa che cento anni più tardi l'amministratore delegato di una delle maggiori case americane produttrici di macchine da ufficio dichiarava candidamente che al mondo la richiesta di calcolatori non avrebbe mai superato le sette unità...
In una delle numerose appendici, Ada Lovelace dettagliava passo passo come lo Analytical Engine avrebbe potuto calcolare una complessa sequenza matematica, i numeri di Bernoulli. Oggi consideriamo quel testo il primo programma della storia e di conseguenza la contessa di Lovelace può venire considerata il primo programmatore. (Come spesso avviene ai precursori, anche la storia di Ada Lovelace e di Charles Babbage non ha un lieto fine: il professore morì povero in canna dopo aver dilapidato tutto il suo patrimonio nel tentativo di far funzionare il suo calcolatore a vapore, la contessa perì di cancro a soli 36 anni d'età).


Questo articolo fa parte di uno dei miei percorsi. Se vuoi saperne di più su questo argomento, visita il resto del percorso cliccando qui.