DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

Connessione diretta

Immaginiamo ora di voler collegare tra loro due computer di tipo differente. Per esempio, un Macintosh e un PC. In questo caso, ovviamente, non possiamo far affidamento sulla rete AppleTalk, e le cose diventano leggermente meno semplici. Del resto, se noi vogliamo solo trasferire un documento da una macchina all'altra non abbiamo certo pretese eccessive, e possiamo cavarcela bene e in fretta.
Anche in questo caso ci serve un cavetto per collegare tra loro i due computer, e anche in questo caso un buon negozio di informatica vi potrà fornire per poche lire quel che serve. Fatevi però consigliare: le porte seriali dei PC hanno spinotti che cambiano da modello a modello, e non andreste lontano se partiste con un cavetto che non entra... Per un collegamento tra Mac e Mac basta un cavetto come quello che abbiamo descritto poco fa, parlando di rete LocalTalk.
Immaginiamo allora che Mario debba ricevere un documento delle dimensioni di cinque MB dal suo amico Giacomo, che possiede un PC. Mario acquista un cavo seriale che ha ad una estremità uno spinotto miniDIN-8 (per Mac), e all'altra lo spinotto adeguato per il PC di Giacomo. Poi prende il suo portatile PowerBook, va a casa di Giacomo, e collega le due macchine tra loro. Quale porta usare? Per convenzione, questo tipo di connessione viene fatto attraverso la porta modem di un Macintosh, anche se - come abbiamo detto in precedenza - in realtà le due porte seriali sono identiche e perfettamente interscambiabili.
A questo punto serve un programma software che faccia il lavoro di basso livello. Tutti i computer Mac OS economici, negli ultimi anni, sono stati venduti con una copia di ClarisWorks fornita in dotazione. E ClarisWorks è un eccellente strumento anche per la comunicazione: basta selezionare Comunicazioni nella finestra Nuovo documento per trovarsi di fronte a un programma di tutto rispetto. Chi non possiede una copia di ClarisWorks non tema: può sempre scaricare da Internet in un paio di minuti una copia di ZTerm 1.0.1, un fenomenale strumento shareware per la telecomunicazione.
Mario avvia, dunque, la copia di ZTerm che aveva installato sul suo PowerBook; e Giacomo lancia un programma analogo, il Terminale di Windows 3.1. Le due applicazioni vanno ora regolate perché comunichino sulla porta seriale usando le medesime convenzioni.Selezionate Connection dal menu Settings. Nella finestra che appare dovrete trascurare tutte le opzioni che appaiono in alto, sopra i menu a scomparsa (servono solo quando la connessione avviene attraverso il telefono). Regolate il resto: noi consigliamo 8 bit per byte, parità nessuna, uno stop bit, eco locale e Xon/Xoff. La velocità può arrivare sino a 115.000 bit per secondo, il massimo di cui sono capaci i PC (tra due computer PowerPC noi potremmo raggiungere quota 230.000, e se i sistemi sono Power Macintosh con GeoPortpotremmo teoricamente arrivare a 2.000.000 di bit al secondo).



ZTerm è ideale per una connessione diretta, via cavo, con PC.

Se tutto è stato eseguito correttamente, la comunicazione è immediatamente funzionante. Quello che Mario scrive sulla tastiera del suo PowerBook, e che vede apparire nella finestra di ZTerm, dovrà venire visto anche da Giacomo sul suo PC - e viceversa. Se uno dei due interlocutori vede le parole scritte dall'altro ma non le proprie ha dimenticato di selezionare la casella Local Echo, e deve rimediare.
Ben presto vi accorgerete che alcuni caratteri non passano correttamente attraverso il cavo: tutte le vocali accentate come àèìòù, per esempio. Questo dipende dal fatto che i PC rappresentano i caratteri con un sistema differente da quello che caratterizza Mac OS. Rimediare, per fortuna, è semplice: perché anche in questo caso Mac si dimostra più flessibile del PC, e disposto a parlargli nei suoi termini... Selezionate Terminal dal menu Settings di ZTerm. Nella finestra che appare selezionate il pulsante radio PC ANSI-BBS; mentre nel menu dei font dovrete attivare zt-ibm.
 


Per parlare con un PC dobbiamo adattarci ad usare i suoi simboli: lui non capirà i nostri in nessun caso.

Ma torniamo alle cose importanti: lo scopo della nostra attività è trasferire un documento. Innanzitutto dobbiamo concordare un protocollo di trasmissione. Noi consigliamo il sistema ZModem: selezionate Transfer options dal menu Settings, e attivate ZModem sia in ricevimento che in trasmissione. Anche il PC va impostato in modo analogo.
Se il vostro interlocutore utilizza Windows 3.1 dovrete impostare il menu a scomparsa Sent filenames sulla voce MS-DOS 8.3 limits, in modo che ZTerm tronchi i nomi dei documenti secondo i limiti dei PC.
Da questo momento in poi possiamo trasmettere e ricevere documenti attraverso il cavo. Se Giacomo invia un documento dal suo PC, ZTerm se ne accorge e invoca automaticamente la finestra di ricevimento. Se è Mario che vuole inviare un file al suo amico gli basta selezionare Send ZModem dal menu File, e indicare quale sia il documento da trasferire.


I due computer collegati via cavo devono convenire su un metodo per scambiarsi documenti: qui vediamo come configurare ZTerm.

Questo articolo fa parte di uno dei miei percorsi. Se vuoi saperne di più su questo argomento, visita il resto del percorso cliccando qui.