DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

Cucina a induzione

Lo Sciamano in Bicicletta, 26 febbraio 2010

Durante la puntata spiego come le cucine ad induzione lavorino grazie a un campo magnetico, e nel commentare i limiti della tecnologia spiego che servono pentole e padelle di metallo magnetico, come il ferro battuto che si usava una volta in cucina. Feo Del Maffeo per inciso dice "o l'alluminio che però non è consigliabile" e io rispondo"infatti".

È esatto che l'alluminio sia da usare con prudenza. Il suo uso è stato sospettato di favorire l'insorgere del morbo di Alzheimer, anche se le ultime ricerche pare lo scagionino. Non è esatto che si possa cucinare a induzione in una pentola o padella di alluminio, perché l'alluminio è diamagnetico.

Sempre parlando di vantaggi e svantaggi, avrei potuto essere più chiaro nello spiegare che, se io accendo il fornello a induzione e poi ci poggio sopra una mano, non senza neppure un leggero tepore, perché la mia mano non è magnetica. Se poggio una pentola metallica, cuocio, tolgo la pentola e poggio la mano, allora mi scotto perché il calore del metallo sarà passato sia al cibo soprastante che (in misura molto minore) alla piastra sottostante.