DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

OS X oltre ogni limite

OS X Oltre ogni limite, Idee Feltrinelli (Apogeo), 2013

OS X oltre ogni limite è stato scritto quando la versione corrente di OS X era la 10.9 Mavericks.

Alcune affermazioni contenute nel libro sono diventate false con l'uscita della versione 10.10 Yosemite del sistema operativo, o comunque meritano una puntualizzazione. Ecco un elenco.

 

Cap 7, pag. 185, in fondo alla nota "Qui manca qualcosa” aggiungere un capoverso

In compenso, a partire dalla versione Server 4.0, ovvero in Yosemite, Apple (bontà sua) permette di gestire in semplicità più domini di posta contemporaneamente, assegnando caselle anche multiple a ciascun utente registrato. Per esempio, se la vostra azienda fa parte di un gruppo e volete gestire tutte le caselle di tutti i nomi registrati, troverete assai comoda l'opzione.

Cap 7, pag. 186, subito prima del titolo "Un server, tanti device” aggiungere un capoverso

Il profile manager richiede non solo una versione ragionevolmente moderna di OS X Server su un Mac aggiornato, ma anche un sistema operativo recente sui device controllati. Sappiate che OS X Server 3.2 sotto Maverick ed e OS X Server 4.x sotto Yosemite hanno, da questo punto di vista, le medesime capacità (quindi non è un problema aggiornare dal primo al secondo). Per quanto riguarda i dispositivi da mettere sotto controllo, l’unico limite serio con cui potreste scontrarvi è che i Mac oggetto della profilazione debbono disporre di OS X 10.8 Mountain Lion o superiore.

Cap 7, pag. 200, subito prima della nota "le chiavi delle preferenze” aggiungere un capoverso

Se e solo se usate Server 4.0 sotto Yosemite, vi è possibile installare con Profile Manager anche ebook — in formato ePub, iBooks o PDF — e configurare Handoff. Potete anche cambiare nome ai device e verificare quando è stato eseguito il backup più recente su iCloud.

Cap. 8, pag. 270, supito prima del titolo "Randomizzazione delle librerie e blocco dei dati” aggiungere

Per rendere le cose un po' più semplici agli sviluppatori, comunque, Apple ha introdotto in OS X 10.10 Yosemite una parziale scappatoia al sandbox, chiamata App Group. In sostanza l'idea è che le app creare dalla medesima casa possono comunicare tra di loro e condividere i dati, un po' come due fratellini che giocano nel medesimo "rettangolo per la sabbia". Gli App Group sono visibili in Mac App Store perché esiste una offerta commerciale che permette di acquistare l'intero gruppo a un prezzo generalmente scontato rispetto alla somma dei prezzi di listini unitari. Un buon esempio è lo App Group offerto da Panic Software a chi lavora con i server web: ne fanno parte il programma Transmit, che si occupa di ricevere e inviare file; il programma Prompt che consente di dare ordini a linea di comando ai server; e il programma Coda che permette di editare i documenti testuali come le pagine web. In questo caso sono i nomi dei server web e le loro password a venire condivisi.