DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

A domanda rispondo - sezione Windows

Microsoft Inc e Windows Inc

Complimenti ad Akko che aveva preannunciato l'esisto della sentenza su Microsoft: divisa in due e l'obbligo di pubblicare il sorgente di Windows.
Ma questo cosa comporterà? Un crollo di vendite nei computer? E cosa accadrà alla concorrenza?

La "pubblicazione" del codice sorgente è la punizione per aver favorito lo sviluppo interno (per esempio Office) rilasciando specifiche poco dettagliate, o incomplete, o in ritardo, ai concorrenti (per esempio Lotus SmartSuite).
A certe condizioni sarà possibile agli sviluppatori registrati recarsi a Redmond e prendere visione del codice sorgente di Windows, senza poterne fare copie. L'idea è di garantire equo accesso alle informazioni necessarie per lo sviluppo.
Io penso che la punizione sia problematica. Si rischia che gli sviluppatori accedano non solo alle API (le funzioni pubbliche del sistema operativo) ma anche alle SPI (le funzioni private) rendendo molto difficile lo sviluppo di revisioni di Win differenti ma compatibili.

Immaginiamo allora (io ne sono convinto) che la sentenza superi l'appello e passi in giudicato. Abbiamo la Microsoft Inc di Ballmer e la Windows Inc di Gates.
La prima dovrebbe guardare con maggior interesse alle piattaforme alternative come Mac OS. Un bene per la concorrenza come Apple.
La seconda finirebbe per realizzare un sistema operativo migliore (se MSIE non fosse stato integrato in Win, Win sarebbe un S.O. migliore: sui PC, è MSIE il maggior responsabile dei crolli dell'intero S.O.)
Una concorrenza di miglior qualità. Spero che Apple sappia rispondere a tono, e in questo modo ne guadagneremmo tutti. Se invece il sistema Windows riuscisse a stracciare la concorrenza, allora avrebbe davvero vinto, e per i suoi meriti, senza ombre lanciate dai comportamenti scorretti della dirigenza Microsoft.