DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

A domanda rispondo - sezione Macintosh

Bugie e sporche bugie

Sono uno studente della scuola media. Per la mia promozione ho chiesto in regalo ai miei genitori un computer. All’inizio tutto era facile: preventivi, prezzi, caratteristiche dei PC; la scelta tra una macchina o l’altra solo determinata dalla spesa. Ora invece tutto è più complicato, perché mi sono imbattuto nella rivista Macformat. Tra i miei amici non si sente quasi mai parlare di Macintosh, e mio padre possiede un vecchio PC 8088 che funziona bene e usiamo per la videoscrittura. Nella mia città c’è un rivenditore di Mac che fornisce uffici, e io pensavo fosse un sistema solo per ufficio.
Cos’è Mac OS? È vero che i CAD funzionano meglio con Mac? È vero che il software PC costa meno di quello Mac? Vero che se i Mac si rompono son dolori per riaggiustarli e che non sono espandibili? I MHz del processore del PC lavorano come quelli del Mac o nel Mac ne servono di più?

Giuseppe Gattarello

Quello che più ci dispiace è che Giuseppe abbia potuto raccogliere tante colossali baggianate mentre si informava, come poteva, tra amici e conoscenti.
I Mac non sono espandibili? Qualsiasi Mac accetta dischi rigidi, scanner e altri dispositivi grazie al connettore SCSI o FireWire incorporato: un connettore che i PC non hanno. Le schede di espansione di tipo PCI sono le stesse usate nei computer Windows, e i Mac contemporanei ne accettano da un minimo di una a un massimo di sei, a seconda del modello.
Veniamo alla velocità, che Giuseppe menziona parlando di MHz. Le applicazioni possono grossolanamente dividersi in tre categorie, che i tecnici chiamano in gergo “I/O bound”, “CPU bound” e “FPU bound”. Le prime sono quelle che lavorano molto sul disco: per esempio i sistemi di base dati, che archiviano milioni di informazioni. Le seconde sono la stragrande maggiornaza: le applicazioni che eseguono elaborazioni, come i programmi di trattamento testi, i fogli elettronici o i videogiochi. Le ultime sono quelle che eseguono molti calcoli di trigonometria, logaritmi, esponenziali, e altre funzioni matematiche complesse: è il caso dei programmi di disegno tecnico CAD, così come dei più complessi filtri grafici nei programmi come Photoshop. Il Mac OS classico è molto più lento di Windows, a parità di ogni considerazione, nelle applicazioni I/O bound: Le cose però cambiano drasticamente con Mac OS X. Nelle CPU bound, il Mac è più veloce di un PC del 20%, a parità di MHz (cioè un Mac a 400 MHz è un pelino più veloce di un PC a 466 MHz). Nelle FPU bound il Mac è due volte più veloce, perché il processore PowerPC è stato espressamente costruito per essere un campione nei calcoli. Queste non sono valutazioni nostre, ma della autorevolissima Journal of Microprocessors, un vangelo per gli ingegneri americani.
Che altro possiamo dire? I prezzi del software si equivalgono, e i Mac sono tra i computer più affidabili (come, del resto, dobbiamo pretendere dalle macchine di gran marca). E, come non ci stancheremo mai di ricordare, per ogni cento persone che conoscono e usano sia Mac OS che Windows 95, solo il sedici per cento preferisce quest’ultimo, secondo uno studio indipendente.