DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

A domanda rispondo - sezione Internet

Da dove arrivano i siti .com?

1. Perchè, spesso, quando scarico qualche file con Netscape 3.01 (uso Win 3.11) dopo aver ricevuto pochi kB lo scarico si interrompe? (osservando quello che scrive Winsock si vedono prima una serie di righe di numeri vari, tipici di quando lavora, poi due righe: STATE =CLOSE_WAIT; STATE = CLOSE) Si può fare qualcosa perchè ciò non capiti? (immaginatevi uno scarico di 700K che al 98% si interrompe!!) NB: la stessa cosa mi capita anche lavorando all' Università con dei terminali Digital sotto Unix collegati ad una linea ISDN
2. E' possibile conoscere la nazione di appartenenza di una pagina WEB che non abbia le riconoscibili estensioni "sito.it" , "sito.fr" , "sito.ca"... bensì un "sito.com" ?
Grazie infinite della vostra attenzione e scusatemi se vi ho fatto perdere
tempo con queste mie domande. Restate sempre così che siete forti!!

Dal Bello Filippo Oberdan

Per quanto riguarda la perdita di connessione, ciò potrebbe dipendere dai tuoi settaggi di Winsock. Risulta molto strano che la stessa cosa ti succeda con l'account universitario che in genere ha un accesso di tipo dedicato. Il problema dello scaricamento lento, invece, può venire normalmente risolto con l'utilizzo dei server proxy — particolari computer messi a disposizione dai provider più efficienti, in grado di velocizzare il trasferimento dei file dalla Rete. Dovresti provare a chiedere al tuo provider se ne mette a disposizione.
Per il riconoscimento delle estensioni ai siti: tutti i siti ".com", così come i ".net", ".mil" e ".gov", dovrebbero essere situati negli Stati Uniti. In pratica, chiunque può registrare un sito .com pagando la quota di settanta dollari a una organizzazione statunitense. La registrazione di un sito in Italia, invece, viene effettuata gratuitamente dal Garr (il bisnonno di tutti i fornitori Internet d'Italia), ma quella organizzazione pretende che il registrando sia una azienda dotata di partita IVA,. Per questi motivi, accade che anche alcune entità italiane utilizzino un nome che termina con ".com", né è impossibile che altre persone di altre nazioni facciano lo stesso. Così, l’unico metodo efficace per scoprire chi sta dietro al nome di un sito .com è di rivolgersi all’InterNIC, la non-autorità centrale che tiene traccia di queste registrazioni — compreso l’indirizzo del recapito postale.