DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

A domanda rispondo - sezione Internet

Cybersquatting

Riguardo i fenomeni di cybersquatting [cioè l'abuso su Internet di nomi di società da parte di terzi, i quali tipicamente vogliono scroccare soldi all'impresa in cambio della restituzione del nome, NdR], mi sembra di ricordare che non sia più possibile registrare domini con riferimenti a terzi i quali possano far valere dei diritti di reale "inerenza" del dominio al proprio marchio o attività.
Esiste una normativa o regolamento a cui riferirsi?

Marco

Da un punto di vista legale si può fare riferimento solo alla normativa sui marchi registrati.

Quanto ai regolamenti cadi un po' meglio, ma solo se hai avuto il buon senso di registrare un nome .it. Qui sotto inserisco il collegamento all'autorità responsabile per l'assegnazione dei nomi in Italia. Chi avesse deciso di acquisire invece un nome .com ovviamente dovrebbe intentare cause negli USA, con i tempi e soprattutto i costi che ne conseguono.

Nota anche che la Naming Authority non fa più alcuna distinzione tra Italia e resto della Unione Europea; quindi un nome .it è registrabile da qualsiasi impresa con sede entro la Unione Europea.

http://www.nic.it/NA/regole-naming-curr.html#15