DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

A domanda rispondo - sezione Accomazzi.net

Licenze del software

Mi lascia perplesso la sua posizione nei confronti della tutela del software. Per esempio, adesso io sto cercando un crack, e lei ha scritto tuoni e fulmini in proposito. Io conosco benissimo i rischi legati all'utilizzo di software pirata,
ma un Crack puo servire anche se si possiede la licenza di un software
originale (vedi programmi che richiedono una chiave hardware che vadano
utilizzati su piu macchine, credo sia lecito usare anche un portatile).

Paolo Pivari

Io credo proprio di no. La tendenza della legislazione negli ultimi dieci anni (in tutto il mondo occidentale) è di lasciare alle famigerate licenze d'uso redatte dalle case produttrice di software il compito di stabilire cosa sia lecito e cosa meno; la presenza di una chiave hardware è ipso facto indicazione della non volontà del produttore di concedere licenza di uso per una macchina non dotata di detta chiave, a qualsiasi titolo. (Alcune licenze d'uso, come quella standard di Microsoft, invece ammettono l'uso parallelo su macchina da scrivania e portatile, purché non simultaneamente). La legislazione italiana corrente non concede più all'utente finale il diritto di backup del software eseguibile. A seconda di come è formulata la licenza d'uso si può al più intendere che il supporto originale fornito nel pacchetto costituisce unico backup lecito al software che va installato su una e una sola macchina. Se la licenza d'uso non garantisce espressamente all'utente il diritto al backup, una interpretazione stringente della legge implicherebbe il dovere di distruggere il supporto originale dopo il completamente dell'installazione. Altro che copia sul portatile...