DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

A domanda rispondo - sezione Accomazzi.net

Superiorità Mac?

L'affermazione "chi usa Mac è
sempre un po' speciale" è un po' consolante per noi, probabilmente
è anche vera, ma a me pare un po' un discorso da riserva indiana e
certamente non fotografa completamente la verita'. C'è tanta gente
speciale che, non per colpa propria, è cascata nella trappola del
PC. Poi magari si sveglia, acquista consapevolezza e switcha, mica dico di no. Però il passaggio non è mai indolore (ma dai!... non è indolore neppure passare da OS 9.x a OS X!...) e per molti è difficile.

Mettiti nei panni di una persona che
acquista il suo primo computer, che non è pregiudizialmente orientata di qua o di là e che ascolta quello che sente in giro. E ciò che sente è che
a) ci sono molti più CD per PC che per Mac,
b) ci sono più programmi per PC che per Mac (vero, perché magari per un certo compito Windows ha quattro diversi software di cui uno solo è decente e tre fanno schifo mentre Mac ne ha uno solo ma funziona molto bene), e comunque
c) i programmi più diffusi si trovano soltanto per PC (vero, perché SparaSpara e PagaNient, essendo per Windows, hanno un bacino di utenza potenziale molto più ampio... e perciò sono oggettivamente
più diffusi).
A ciò aggiungi la pressione ambientale (tutti in azienda usano solo il PC, "mio cuggino che ha tanti programmi crackati usa il PC"), i pregiudizi cretini e infondati (Macintosh non funziona, non è stabile, costa troppo) che però per il neofita che li sente la prima volta non sono pregiudizi ma puri e semplici giudizi... e vedrai che è facilissimo orientarsi verso il PC piuttosto che verso il Mac.

Marco Cagnotti

Nessuno l'ha mai messo in dubbio. E' sempre più facile stare con la maggioranza che con la minoranza, sempre e in qualsiasi campo, a prescindere dai vantaggi e dagli svantaggi che l'appartenenza comporta.

Io credo solo di avere una certa onestà di fondo. Perlomeno ce l'avrò verso me stesso. Uso Mac, uso Unix, uso Windows (quando devo). Uso di preferenza Mac da quasi vent'anni (e Apple da più di venti anni) perché lo ritengo sensibilmente superiore alle alternative. Ammetto sinceramente che esistono categorie di persone per cui le alternative sono superiori al Macintosh. E prego ogni sera (vabbeh, pregherei se fossi religioso e se l'idea non fosse un tantino blasfema) perché appaia qualcosa di superiore al Mac. Se e quando accadrà abbandonerò la mela senza guardarmi troppo indietro. Se Bill Gates tirerà fuori un megawindows facile, stabile, amichevole, aperto mi turerò il naso e comprerò Microsoft: non ho mica sposato nessuno, tecnologicamente parlando. Le azioni Apple le ho comprate (in questo momento ne ho 200, per la cronaca, un investimento modesto pari a meno di 3000 Euro) perché spero di guadagnarci e non certo per affetto di scuderia. Non cerco di convincere la gente a usare Apple perché le mie azioni salgano (quanta gente dovrei convertire?)

Scusate lo stream of consciousness, ma visto che ogni spesso vengo genericamente etichettato di essere un "paladino del Macintosh" ho preferito ribadire un paio di fondamentali. :-)