DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

A domanda rispondo - sezione Macintosh

Olivetti e Apple

Olivetti si era interessata per produrre i compatibili Mac, a suo tempo... Almeno a quanto ricordo: o erano solo voci?

Olivetti firmò con la casa di Cupertino un contratto per la manifattura e la commercializzazione di cloni Apple. La cosa non ebbe seguito pratico ma sono certo che le cose andarono così, lo confermò di persona lo stesso Elserino Piol a un mio amico giornalista che mi girò l'informazione imponendomi voto di silenzio. Dopo tutti questi anni mi sento libero dal giuramento e spiffero la verità.

Già che ci siamo: Sono d'accordo con i detrattori della Olivetti moderna (diciamo dall'M20 in poi, 1981 circa) ma è vangelo che l'Olivetti fu grandissima ai tempi di Adriano Olivetti (anni quaranta e cinquanta, diciamo -- ma visse in esilio durante alcuni anni del regime fascista). Ho avuto occasione di conoscere, circa cinque anni fa, l'ingegnere che di Adriano Olivetti fu il più stretto collaboratore. Era già ai tempi più che ottantenne e non so se sia ancora vivo oggi; inoltre (e me ne dispiace) in questo momento non me ne sovviene il nome. Da qualche parte ho appunti di quella serata, ma al di là dei dettagli mi è rimasto fortissima l'impressione del genio innovativo (non solo tecnico, anzi soprattutto sociale) che emergeva da quei racconti, da quelle idee, da quegli aneddoti. In rete ho trovato questa brevissima biografia dell'uomo:

http://www.olivetti.it/adriano/adriano.htm