DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

A domanda rispondo - sezione Internet

Registrazione presso un sito: cosa comporta?

Vorrei sapere se quando un sito chiede di registrarsi significa sempre che è necessario pagare per poterlo vedere o per poterne usufruire (nel numero di gennaio per esempio avete citato il sito http://carosello.it il quale chiede sempre di registrarsi inserendo un nome del giocatore e una password: cosa significa? Cosa devo inserire?)

Alessandra Ferlenga

No, non devi necessariamente pagare. Internet offre a chi crea un sito Web un meccanismo grazie al quale ci viene chiesto nome e parola d'ordine quando entriamo in un sito. Nella stragrande maggioranza dei siti questa opzione non viene esercitata: noi entriamo e visitiamo liberamente tutte le pagine del sito. Alcuni siti invece sfruttano questa possibilità, ma ciascuno lo fa con modalità sue e per i suoi scopi. Il caso più comune è quello dei siti a pagamento. Per esempio, i citatissimi siti pornografici tipicamente richiedono una quota di abbonamento a chi li vuole visitare: chi accetta un addebito sulla carta di credito riceve per posta elettronica una parola d'ordine che gli permette di visitare il sito. Ma non è l'unico caso. Esistono siti privati (le cosiddette "extranet"): per esempio molti produttori di computer hanno realizzato siti dove i soli rivenditori possono collegarsi per consultare un listino a loro riservato e prenotare i computer per i loro clienti. In questo caso, ovviampente, nessuno paga nulla: semplicemente, i rivenditori possiedono una parola d'ordine indisponibile al pubblico generico. Ci sono molti altri casi. Per esempio, di recente ci è capitato di visitare un sito sponsorizzato: per accedere agli interessanti contenuti del sito ci è stato richiesto di visitare la pagina home delo sponsor. Dopo esserci ben sorbiti la pubblicità siamo tornati sul sito che ci interessava. A questo punto ci è stata richiesta una password che era lo slogan pubblicitario dello sponsor. In questo modo, gli autori del sito si sono assicurati che noi visitassimo lo sponsor.
Carosello, infine, vuole che noi ci registriamo prima di giocare. Non c'è niente di più di questo. Il nostro sospetto e che i proprietari del sito usino quei dati demografici per giustificare i prezzi