DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

A domanda rispondo - sezione MacOSX

Il server resta sulla scrivania

Se ho un server montato sulla scrivania e stacco il cavo di rete oppure quello se ne va bruscamente, il mio OS X sembra congelarsi e per molti minuti non risponde ai comandi (o se risponde si interrompe dopo pochissimo).

Questo è particolarmente irritante per chi, come me, ha un portatile e distrattamente spesso si allontana dall'ufficio con il server centrale ancora presente sulla scrivania.

Aiuto!

La soluzione richiede che voi abbiate già aperta una finestra del Terminale (per me non è un problema perché succede sempre; gli altri si dovranno abituare). Se la finestra non è aperta difficilmente si può aprirla quando il fattaccio accade perché anche il Terminale, come gli altri programmi, si congela durante gli accessi di rete mancati.

Per forzare il volume di rete inesistente a sparire dalla scrivania e far ripartire la macchina basta digitare:
sudo umount -f -h (nome del server)

Il nome del server è quello che appare nella prima finestra di connessione (Mela-K). NON è il nome del disco rigido che si vede sulla scrivania. Se non ve lo ricordate vi basta digitare
umount -A
Il sistema cerca di espellere tutti i dischi senza averne il permesso e nel farlo mostra i nomi di tutti. Verrà fuori una cosa come questa:
umount: /automount: Operation not permitted
umount: //dima@REDHAT8/HTDOCS: No such file or directory
umount: /dev: Operation not permitted

Da qui si capisce che il disco di rete problematico nel mio caso è il disco HTDOCS montato sul server REDHAT8.