DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

A domanda rispondo - sezione MacOSX

Deframmentazione del disco e sistema operativo

Sullo stesso HD, unica partizione, ho installato 10.2.6 e 9.2.
Mi chiedevo cosa succederebbe deframmentando l'hd con speed disc dal 9: come vedrebbe tutti i blocchi dell'altro sistema? Ci sarebbero problemi?
Riuscirebbe a deframmentare oppure non riconoscerebbe i file e quindi sarebbe inutile?

Roberto Ficarella

Cosa succederebbe se tu usassi un costoso programma di deframmentazione sul tuo disco rigido? Come sempre: Se va via la luce durante l'operazione, perdi tutti i dati e tutte le applicazioni e tutta la configurazione installata. Ti tocca riformattare il disco rigido e ripartire con il calcolatore azzerato.
Se non va via la luce, perdi mezz'ora e guadagni lo 1% di prestazioni ben che vada. E questo non lo dico solo io, lo dice anche l'autore delle Norton Utilities, in un articolo reperibile su Internet.

Sergio Leone, che non fa altro che fare video dalla mattina alla sera su un parco macchine grande quanto la Basilicata, spiegava sulla mia mailing list pochi mesi fa come lui non deframmenti un disco dai tempi dei Quadra.

Il mio piccolo contributo: sul mio disco da 200 GB ho passato tutti i giorni d'estate a importare vecchi film 8mm, super8, videocassette VHS e Hi8, per poi ritagliarli selvaggiamente e ritagliarli in iMovie. Non ho il masterizzatore SuperDrive a bordo del Titanium quindi userò iDVD appena torno a casa. Tutti i giorni, importando prima e ritagliando dopo, passavo da 35 a 10 GB liberi. Non ho mai perso un fotogramma.
Quanto al dubbio se faccia la differenza il sistema operativo installato... no, assolutamente. Che sul disco rigido ci sia sopra Mac OS X, oppure 9, oppure 7, oppure Linux, all'ottimizzatore non glie ne potrebbe fregare di meno. Tu sei capace di mettere in ordine alfabetico? Bravo! E se ti metto in mano una serie di parole in olandese sei capace lo stesso? Certo, che differenza fa.

Per dirla tutta: la "ottimizzazione" alias deframmentazione azzera gli effetti positivi del file system HFS Journaled, quindi non va tentata sui server che ne fanno uso. È la prova provata che ciò che importa al deframmentatore è il formato del disco, non ciò che c'è sopra.

Mi rendo conto che esistono decine di musicisti che passano le loro giornate a deframmentare i loro dischi rigidi o a utilizzare partizioni separate per le loro composizione. Senza voler denigrare la professionalità di questi signori: è una bestialità.
Facendo due conti dietro una busta, si vede facilmente che un comune DVD a velocità 1x (cioè con meno di dieci megabit per secondo) riesce a sostenere le necessità dell'audio digitale con sei canali paralleli senza compressione a 96 kHz e 24 bit per secondo.
http://www.pioneer.co.jp/crdl/tech/dvd/5-3-e.html
Il più sgrauso dei dischi rigidi moderni offre quindici volte quella velocità. La frammentazione comporta al massimo un 3% di perdita di prestazioni, nei casi più estremi.
La deframmentazione dunque è semplicemete inutile e non ce n'è bisogno neppure per il video digitale, tantomeno per l'audio.