DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

A domanda rispondo - sezione Internet

Il router al contrario

Anche io sto per fare il salto verso l'ADSL.

Avendo in azienda un centro di calcolo "alle spalle", non ho mai veramente giocato con router, gateway, NAT, VPN e compagnia bella anche se al lavoro, gestisco una manciata di computer.

Una delle cose che mi servono e' trasferire files dal lavoro a casa.

Quello che ho in mente di fare, a casa, e' avere un router che distribuisce la connessione su tutti i miei calcolatori, sia Mac che PC. Ma voglio riuscire a raggiungere dall'esterno un certo Mac quando uso la condivisione documenti, quindi immagino che dovrò configurare il router per dirgli che, quando dall'esterno qualcuno cerca di attivare una condivisione, la macchina che deve rispondere è quel Mac che dico io. Che caratteristicha deve avere il router per saperlo fare?

Devi solo fare attenzione che lo scatolotto che compri, oltre al NAT, supporti anche il port forwarding: è il nome più comunemente assegnato alla funzionalità che ti serve. Ma non l'unico. L'ho visto chiamare "port forwarding" o "create switch" o "virtual server". Persino "tunnelling", a volte, anche se il tunnelling sarebbe un'altra cosa. Sugli Zyxel si chiama "SUA". Sui Netopia Cayman è "pinhole". Ah, se si mettessero d'accordo... Comunque, non tutti i router la offrono, quindi presta attenzione prima di acquistare.