DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

A domanda rispondo - sezione Accomazzi.net

Amare il Mac? Ma no

Il Mac è uno stile di vita. Noi "macusers" amiamo il nostro MAC. Se
lo usiamo solo sul posto di lavoro, prima o poi ce ne compriamo uno per
casa. Mac is Mac.

Lorenzo Bidese

No. Io il mio lo detesto. Lo vorrei più facile da usare, più veloce, più robusto e che non costi più di sei euro IVA inclusa.
In piccolo: odio arrivare a sera col collo incriccato perché il monitor è agganciato in basso alla tastiera del mio portatile; detesto l'uso delle estensioni nei nomi di file; trovo cretino il fatto che, quando clicco sul nome grigio di un file nella finestra "salva come" nel tentativo di arrivare alla barra di scorrimento, il computer rinomini il mio documento; trovo pericoloso il fatto che le mie preferenze del, putacaso, firewall si trovino all'indirizzo /Library/Preferences/com.apple.sharing.firewall.plist esattamente come quelle di tutti gli altri; non capisco perché non ci sia uno iPhone che posso usare quando il cavo del telefono è collegato alla presa modem; trovo irritante che manchi una localizzazione in lingua russa del Mac OS (per mia moglie). E queste sono solo le prime cose che mi vengono in mente, potrei continuare tutto il giorno.
In grande: mi sembra indecoroso che il Mac di oggi sia una evoluzione del Mac del 1984 (venti anni!) e non una rivoluzione. Essendo una evoluzione è pieno di compromessi, trabocchetti, limiti, effetti QWERTY e via dicendo.
Uno schifo. Lo detesto. Lo uso solo perché è straordinariamente migliore di qualsiasi alternativa, ma mi fa un po' schifo.