DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

A domanda rispondo - sezione Internet

Il PDF sul web

Capita che si pubblichi online un PDF di un impaginato per la distribuzione online senza dover implementare un modo per aggiornare i contenuti del sito in maniera alternativa a quelli cartacei. Molti giornali (non nazionali) fanno così visto che il workflow prevede già i pdf da dare in tipografia è un attimo fare dei pdf in bassa e pubblicarli sul sito.
Tu cosa ne pensi?

Cristiano F.

Tutto il male possibile. Per esempio, una cosa del genere rende il tuo sito irraggiungibile a tutti i motori di ricerca del mondo tranne il solo Google.


Il sistema più comune, da quattro-cinque anni a questa parte è un flusso di lavoro in cui i testi internamente viaggiano in un formato agnostico come lo XML (santo cielo, ci è arrivato persino Word a supportare lo XML) e poi vengono automaticamente trasformati in impaginati (che un grafico ritoccherà, normalmente) e in pagine web e in PDF e in qualsiasi altra cosa serva oggi o domani.

Date una occhiata a www.journalth.com, sito di una rivista scientifica che ho messo in piedi io due anni fa. I medici scrivono in Word, che diventa XML, che viene smistato ai revisori, che approvano. Da questo momento la pubblicazione su carta e sul web è automatica, partono gli avvisi a tutti i lettori che sono interessati agli argomenti toccati da uno specifico articolo, vengono generati i riferimenti incrociati (questo articolo cita questo ed è citato da quest'altro, altri articoli di questo autore...) eccetera.