DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

A domanda rispondo - sezione Internet

A spasso con iPod Touch

Mi pare di capire che con la versione del software introdotto a metà gennaio 2008, i possessori dell'iPod Touch e dell'iPhone possono vedere la propria posizione su una cartina. Come funziona?

L'iPhone non possiede circuiteria GPS. Google ha presentato un software che parla con Google Maps e approssima la rilevazione della tua posizione, basandosi sulle informazioni che arrivano dalle celle della rete GPRS-EDGE. In pratica va a triangolare: il tuo telefono sa che la cella più vicina è la 12345, forza del segnale 10 decibel, poi segue la cella 12346 con 5 decibel e infine si percepisce la cella 12347 a 1,2 decibel. Google ha un database che gli dice in quali luoghi fisici stanno le tre antenne in questione e triangolando capisce dove sei tu, e mostra la tua posizione sulla mappa Google maps.

Chiaramente questo non si può fare con un iPod Touch, che non ha circuiteria cellulare -- e comunque funziona solo negli USA.

Per migliorare i risultati, Apple ha acquisito un database di tutti gli hotspot esistenti negli USA. Il principio è il medesimo. Il tuo iPhone vede una rete Wi-Fi chiamata "Casa di John Smith", numero MAC AA-BB-CC-DD-EE-FF, a 10 decibel, una rete Wi-Fi chiamata "Airport Express", numero MAC 00-11-22-33-EE-FF, a 6 decibel e una terza rete, ci siamo capiti.

Questo secondo metodo funziona anche con gli iPod touch, ma anche in questo caso il database degli hotspot è disponibile solo per gli USA.

La notizia sta nel fatto che stanno mappando gli hotspot non statunitensi. Per quanto riguarda l'Italia, i lavora sulle 5 maggiori metropoli e il completamento dell'operazione è previsto in marzo.

Quindi se io passeggio per Milano col mio Touch acceso, pesco una rete Wi-Fi aperta (e dunque posso navigare sul sito Google Maps) e almeno due altre reti anche chiuse, il mio Touch mi mostra una mappa di Milano e mi fa vedere dove io sia, con una approssimazione magari anche di 100 metri (dipende da quante reti Wi-Fi ci sono).
La connessione a Internet (la rete Wi-Fi aperta) serve perché Il database degli hotspot potrebbe anche stare nel Touch. Ma la cartina di tutte le città dove tu potresti trovarti, proprio no.


Come prestazioni è un po' il GPS dei poveri, ma come hack è straordinario.