DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

A domanda rispondo - sezione Internet

HTML5 e il video sul web

Ma non è possibile! Incredibbile!

Raiclick aveva un sistema invidiabile, una cosa quasi da fiore all'occhiello nel panorama delle tv che si sono dedicate a diffondere i propri contenuti e le produzioni online, ora è diventato rai.it, obbliga ad installare tal Silverlight che alla faccia dell'open source a cui una società pubblica dovrebbe attingere a piene mani è naturalmente made in Microsoft.

Io poi ho un Mac con processore PowerPC e pare che la mia macchina non sia supportata. Eppure il canone lo pago tutto. Ci sono escamotage?

Ma non c'è uno standard libero, indipendente, possibilmente open source per il video sul web?

Alessandro Petrucci

Cominciamo con l'escamotage. Silverlight versione 1 gira anche su PowerPC, Silverlight 2 no. Essendo una tecnologia proprietaria MS, se MS decide di non sviluppare, non può funzionare, punto e a capo: stessa identica situazione che con Snow Leopard, per capirci. Mi dicono che rai.it chida di installare Silverlight versione 2 ma funzioni anche a chi arriva dotato solo della 1, però non posso verificarlo personalmente.

Lo standard in merito al video sul web verrà promulgato a fine 2010, come parte dello standard HTML5. Il principale motivo per cui ci vuole così tanto per finalizzare HTML5 è proprio nei tremendi litigi relativi al video. Sino a un anno fa pareva che si rivolgessero a OGG VORBIS e parenti, poi si sono accapigliati. Io personalmente quando sviluppo un sito-con-video (ho due webtv alla cintura, per adesso, prestissimo spero che diventino tre) registro i video in H.264, li proietto via Flash per i browser di maggioranza (la triade Explorer 7+, Firefox 1+, Safari 1+), lo sparo nudo e crudo agli iPhone, e tutti gli altri si attaccano perché è un grosso mal di testa. Silverlight neanche lo considero.