DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

A domanda rispondo - sezione Internet

Lassù qualcuno mi guarda?

Vorrei sapere se il mio ISP e' in grado di sapere esattamente quali siti io ho visitato.
Se cio' e' possibile allora vorrei sapere se non si tratta di una pratica che va contro la recente legge a tutela della privacy, di cui tanto si parla.

Giancarlo Righetti

Bella domanda. Vediamo un po’. Quando noi ci colleghiamo a un sito (per esempio www.ilpiubelsitodelmondo.it) la prima cosa che accade è che il nostro computer si collega al computer DNS del nostro fornitore di accesso Internet (lo ISP, appunto), come spiegavamo nella risposta intitolata “Dove siete finiti tutti”. Il DNS risponde comunicandoci lo indirizzo numerico corrispondente (per esempio 195.120.156.144) che il nostro computer userà per contattare il sito. Possiamo immaginare un DNS che registri tutte le richieste in arrivo e così costruisca un registro di tutti i siti visitati da tutti i clienti. Questo però renderebbe il DNS lento. Non solo: non ci viene in mente neppure un programma DNS, tra tutti quelli che conosciamo, che offra una opzione del genere al suo proprietario. E comunque si potrebbe aggirarlo digitando direttamente l’indirizzo numerico.
Una volta che il nostro computer ha l’indirizzo numerico nessuno dei computer del nostro provider deve fare più nulla. Tutti i nostri dati, però, transitano attraverso i suoi router (apparecchi informatici che funzionano un po’ come svincoli autostradali per i dati Internet). anche in questo caso è possibile inventare un router che tenga traccia dei siti visitati. Le indagini anti-pedofilia, per esempio, di solito si realizzano in questo modo.