DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

A domanda rispondo - sezione Accomazzi.net

La concorrenza

Finalmente!!
ho letto il tuo articolo su Macworld di dicembre 1998 e anch'io sono
afflitto dall'intelligenza di world 98.
Quello che voglio dirti è che non deve essere il Sig. Gates ha
darci qualche "inutility" di meno, ma la concorrenza che oggi
non esiste. Solo con la concorrenza si può sconfiggere lo stra
potere della Microsoft e ottenere dei programmatori che si spaccano il cervello per inventarsi dei sistemi che funzionano e non grassi programmi
pieni di funzioni inutili.
Io, per lavorare, uso win 95 e non sono passato a win 98 perchè non ho trovato nulla di vantaggioso nel passaggio di qualità proposto dal nuovo sistema operativo; continuo quindi ad usare un sistema vecchio che mi va stretto e guardo quasi con invidia le novità del sistema operativo della apple sfornate più o meno ogni 6 mesi.
Ma che garanzie ho che la Apple riesca a resistere alla schiacciante superiorità della microsoft senza soccombere?
Io credo che solo mettendo in concorrenza più personaggi si possa
costringere questi a dare il massimo, fino a quando non sarà così subiremo i programmi peni di pupazzi inutili.
Per concludere voglio solo dire che finchè non ci sarà una concorrenza alla Microsoft nessuno comprerà altro che i prodotti pieni di cose inutili di Bill Gates.
buon lavoro

Luigi Aprile

La concorrenza si fa nelle cose e nella testa. I prodotti di Microsoft sono, da decenni, “abbastanza buoni”. Buoni a sufficienza, appena quel che serve per non irritare troppo l’utilizzatore.
Da decenni Microsoft ha concorrenza, e spesso questa concorrenza riesce a fare cose migliori. Apple con l’interfaccia utente, Unix con il sistema operativo, Nisus con il programma di trattamento testi, Oracle e FileMaker con le basi dati: tutti numeri due che sono superiori al numero uno.
Nella testa della gente, invece, Microsoft non ha concorrenti. Solo quando gli avversari di Gates riusciranno a convincere i consumatori che la concorrenza c’è e c’è sempre stata le cose cambieranno.