DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

A domanda rispondo - sezione Macintosh

RAM mancante?

Il mio problema può essere riassunto in "scomparsa di memoria". All'accensione dell'elaboratore la RAM occupata dalle applicazioni, più la RAM contigua (come appare nella finestra "Info su Macintosh" del Finder) è uguale alla memoria totale. Se poi nel corso della giornata apro e chiudo ClarisWorks, Photoshop e MS Excel la situazione peggiora in termini di scomparsa di RAM.Potete suggerirmi una soluzione a questo problema? Al momento non mi resta che riavviare l'elaboratore...

Alberto G. Corti -- Chiasso, Svizzera

La soluzione del busillis sta nel fatto che Finder del Mac OS classico (versioni sino alla 9.2.2) ci rivela soltanto quanta memoria libera e contigua sia disponibile, e non quanta memoria libera ci sia in totale. La memoria libera è quella non usata né dal System né dalle applicazioni: ma potrebbe essere divisa in blocchi separati, come succede nel caso illustrato.
Guardate la seconda fila di tasti della vostra tastiera, e immaginate che sia la memoria di un Macintosh. Ogni tasto rappresenta uno spazio di un megabyte. Il tasto Tab, all'estrema sinistra, viene occupato dal Mac OS. Il tasto A capo, all'estrema destra, è occupato dal Finder. I dodici tasti in mezzo (QZERTYUIOPì$) rappresentano una ininterrotta distesa di memoria libera.
A questo punto noi lanciamo una applicazione, per esempio ClarisWorks, che viene sistemata al di sopra dei tasti QZER. Poi ne lanciamo un'altra, per esempio FileMaker Pro, che viene sistemata sopra i tasti TYUI. La memoria libera a questo punto è composta da altri quattro tasti: OPì$.
L'utente chiude ClarisWorks.La memoria rappresentata dai tasti QZER si libera. A questo punto sono liberi otto tasti: i primi quattro (QZER) e gli ultimi quattro (OPì$). I tasti, però, non sono contigui (il Finder, in questo caso, ci direbbe "memoria contigua, quattro tasti", e non otto). Se noi a questo punto dobbiamo avviare l'applicazione Photoshop, che richiede uno spazio in memoria di otto tasti, non possiamo farlo. Ci sono, è vero, otto tasti liberi, ma non sono contigui. L'unica soluzione consiste nel chiudere l'applicazione rimasta aperta, FileMaker, e poi riaprirla. I tasti TYUI si liberano, e quando Mac OS ricarica FileMaker lo assegna ai tasti QZER. A questo punto sono disponibili otto spazi contigui (TYUIOPì$) in cui infilare Photoshop. (L.A.)