DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

A domanda rispondo - sezione Macintosh

G4: comprarli?

Stiamo attenti alle nuove CPU! Io non acquistero' mai un nuovo PC con nuova CPU appena esce, perche' - esperienza insegna - ha bisogno di un periodo di rodaggio "on the road".

Pensa al mitico IIfx, per esempio, oppure al primo 8100/80, oppure alle prime partite di MacII, i Primi Plus...

Antonello Tilotta

Quale esperienza? Io ho comprato "con nuova CPU appena esce"... mmh...
vediamo... l'Apple IIc, l'Apple IIgs, il Mac 128, il Duo 280c, il Duo 2300 e il G3/233. Nessuno di questi mi ha dato problemi 'di gioventu'.

Il PowerBook 5300, che uscì insieme al 2300, era un chiodo; System 7.5 fu un pianto greco. Sono le due più grandi tragedie di Apple che io ricordi, ma non dipendevano dal processore. Al terzo posto, ma a lunga distanza, i G3 blu e bianchi, che montavano lo stesso processore dei robustissimi predecessori grigi.

Il Plus era la terza macchina a montare il 68000, dopo il Mac 128 e dopo il Fat Mac 512. Tutti e tre usavano il processore nella sua versione base, a 32 bit di dati e 16 bit di bus (era il 68008 a usare il bus a 8 bit, e quella variante non venne mai adottata su un Macintosh). Anche il IIfx non era la prima macchina. In questo caso il processore 68030 era stato usato in precedenza sul IIx, sul IIcx e sul IIci. Quanto allo 8100, uscì insieme agli altri due modelli che hai citato. In genere, nessuno dei tre diede problemi, e tutte vengono ricordate per la loro compatibilità. Certo, erano le prime macchine PowerPC. In generale, qualsiasi nuova macchina "top della gamma" produce qualche incompatibilità, perché Apple nel renderla più veloce di tutti i predecessori deve pur cambiare qualcosa. In linea di massima però col passare degli anni le transizioni generazionali diventano sempre più morbide (perché gli sviluppatori di software e hardware ormai hanno imparato a giocare prudente e rispettare le regole, e perché Apple offre alcuni prototipi in anticipo sulla presentazione al pubblico).

L'ultima introduzione di processore che comportò problemi in quanto tale fu quella del 68040 (con i primi "Quadra"), attorno al 1991. La cospicua cache di primo livello, una novità, introdusse serie incompatibilità con molti programmi, tra cui tutti quelli realizzati con il glorioso "Turbo Pascal" di Borland. Quel compilatore generava codice automodificante, che è incompatibile con la cache se il software non esegue esplicitamente un "flush cache" dopo la modifica. Apple dovette rilasciare un pannello di controllo che disabilitava la cache (e nel farlo abbatteva le prestazioni) per garantire compatibilità con il vecchio software.

Il passaggio da processore 68040 a PowerPC, invece, viene ricordato nell'industria come il più morbido mai realizzato nella storia dell'informatica. I passaggi successivi, dal vecchio powerPC 601 ("G1") ai più moderni 603 e 604 ("G2") e da questi ai G3 sono stati tutti assolutamente indolori.

Negli ultimi cinque-sei anni i problemi di compatibilità sono arrivati quando Apple ha fatto qualcosa male. Penso a Mac OS 7.5.x e al PowerBook 5300, per fare i due esempi maggiori nel software e nello hardware.

Scommetto la mia reputazione di giornalista e consulente con ormai quasi vent'anni di esperienza alle spalle che i G4 non produrranno problemi in_quanto_G4. Se poi il Mac OS 9.0 contenesse porcate, o se Apple avesse progettato le nuove piastre madri "Sawtooth" con i piedi... beh, sarebbe tutt'altro discorso.