DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

A domanda rispondo - sezione Macintosh

Macintosh e Internet

Ho appena finito di installare il Mac OS 8. Col MacOS 7.5 usavo FreePPP per collegarmi a Internet. Ora vorrei fare tutto col Mac OS. Il problema però è la conversione dello script di collegamento. FreePPP offre un modo comodo per creare da soli il proprio script, attraverso i campi "wait for" e "send". Il controllo PPP invece chiede di importare lo script da un documento che lo contenga. Che sintassi devo usare? Mille grazie.

Silvio Mercadante

Nessuna sintassi: configurare computer che usa Mac OS versione 7.6 o posteriore per Internet è molto facile, parola nostra.
Aprite il pannello di controllo Modem, e selezionate il vostro modello di modem. Poi aprite il pannello di controllo PPP (nelle versione 9.x, si chiama Remote Access), e inserite il vostro nome, la parola d'ordine e il numero di telefono del vostro fornitore di Internet. Infine, aprite il pannello TCP/IP e inserite le informazioni di connettività che il vostro fornitore di accesso vi ha comunicato. Per allacciarsi alla maggioranza dei fornitori non serve altro. Ma se il vostro fornitore d'accesso Internet non supporta il metodo facilitato d'ingresso, il cosiddetto PAP, dovremo fare qualche altra operazione.
Vediamo se ce n'è bisogno. Premete il pulsante Connessione del pannello di controllo PPP. sentirete il modem fare il numero, poi il telefono del fornitore suonerà per un paio di squilli. A questo punto udrete un fischio (è il vostro modem che si fa riconoscere) e di seguito un fruscio (i due modem si stanno mettendo d'accordo sulla velocità di trasmissione). Se tutto questo non accadesse, controllate i cavi e il modem, perché c'è qualcosa di banale che non va.
Il fruscio finalmente tace; passerà quasi un minuto, ma alla fine dovreste vedere apparire un orologio (che cronometra la durata della telefonata) e una serie di spie colorate all'interno del pannello di controllo. In questo caso, complimenti: siete già in Rete.

Se invece la comunicazione cade, e il vostro Mac se ne lamenta, ciò significa che il vostro fornitore non supporta PAP. Non è un problema: preparatevi a un altro po' di lavoro e cliccate il pulsante Opzioni... Nella finestra che appare, selezionate la casella Connessione a un host a linea di comando, e anche l'opzione Usa finestra Terminale.
Confermate con OK l'impostazione. A questo punto riprovate a collegarvi, premendo nuovamente il pulsante Connessione. Sentirete di nuovo il modem comporre il numero, fischiare ed emettere il fruscio. Poi apparirà la finestra Terminale PPP, e al suo interno una scritta di presentazione del fornitore d'accesso.
Prima di completare la procedura l'accesso, però, approfittiamo di una eccellente funzionalità del software di sistema Apple. Clicchiamo il pulsante Impostazioni della finestra terminale. Appare una finestra di dialogo in cui dovremo selezionare la casella Avvisa per registrare script di connessione. In pratica, stiamo ordinando a Mac OS di registrare le nostre azioni. In questo modo, dalla seconda connessione in poi, non dovremo più fare uso della finestra terminale, ma sarà il Mac OS che, fingendosi noi, completerà le procedure formali per l'abilitazione e la connessione.
Chiudiamo con OK la finestra delle impostazioni terminale.
Ci ritroviamo nella finestra del Terminale PPP. Adesso dobbiamo rispondere a tono alle richieste del computer del fornitore. Purtroppo, non possiamo dirvi esattamente che cosa apparirà e come dovete rispondere - le richieste che appaiono cambiano da fornitore a fornitore, e con esse le risposte.
In linea di massima, dovreste vedere una richiesta di identificazione ("username"). Scrivete allora il vostro nome utente. Poi dovrebbe apparire una richiesta di parola d'ordine, o "password". Digitatela e non spaventatevi se non vedete apparire nulla: la parola d'ordine non appare a video per impedire ai malintenzionati di sbirciare sopra alle vostre spalle quando vi collegate.
Con alcuni fornitori la procedura finisce qui: vedete apparire una scritta che dice pressappoco "User authenticated, PPP session started, Host header compression will match your settings". Se invece vedete riapparire la richiesta di "username", il sistema non vi ha riconosciuti: avete sbagliato a inserire la parola d'ordine o il nome utente.
Se il sistema, invece, presenta una breve scritta seguita dal simbolo ">" (come nella figura) allora vi ha riconosciuto e accettato; ma purtroppo il computer del fornitore sta aspettando ancora un altro ordine prima di cominciare. Questo ordine è tipicamente ppp[invio], oppure ppp default[invio]. Non c'è altro che provare, e se le cose non vanno in nessuno dei due casi bisogna telefonare in voce al fornitore di Internet e chiedergli istruzioni dettagliate.
In un modo o nell'altro, dovreste però arrivare alla fatidica scritta "PPP session started. Host header compression will match your settings", o giù di lì. Premete il pulsante Continua. Mac OS fa apparire la finestra di dialogo delle registrazioni - la finestra che solitamente vediamo quando registriamo un documento sul disco. Il Mac, come accennavamo in precedenza, si sta offrendo di salvare la sequenza di operazioni che avete effettuato per arrivare alla connessione, in modo che in futuro sia il computer a fare tutto al posto vostro. Non è una idea peregrina; ragion per cui registrate pure (con un nome qualsiasi) queste informazioni.
Vedrete apparire la doppia fila verticale di spie luminose all'interno del Pannello di controllo PPP. Complimenti, siete su Internet! (L.A.)