DI RECENTE ACCOMAZZI...
CERCA
» Ricerca avanzata
MAILING LIST

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

» Vuoi saperne di più?

Bip

In quei tempi iniziai la mia collaborazione con Bit. E ne creai questa parodia. Chi ricorda com'erano le riviste d'informatica degli anni Ottanta probabilmente la troverà gradevole ancora oggi.

BIPEST: in prova il personal computer COMMODORE 64

di Gianni Giubbottoglini e MisterAkko

Per la nostra mensile prova su strada abbiamo scelto il Commodore 64, uno home computer molto diffuso (sono in corso trattative per includerne un esemplare in omaggio in ogni sacchetto di patatine, oltre che nei supermarket per spese superiori alle 40.000 lire).
La prima impressione non è molto buona: posto su strada, il computer non si muove. Peggio ancora, abbiamo provato a farlo funzionare, accendendolo, ma il computer non ha dato segni di vita sinchè non abbiamo inserito la spina. E' una notevole limitazione di cui bisogna tenere conto, a meno che vogliate attaccargli un mulino a vento come fonte di energia.
La tastiera dà una prima impressione piuttosto buona; perlomeno i tasti non rimangono appiccicati alle dita come succede con lo Spectrum, le lettere ci sono praticamente tutte, le abbiamo contate, ed anche per i numeri è stata adottata la stessa scelta. Chi fosse abituato ad una normale macchina da scrivere troverà qualche tasto in più; chi fosse abituato alle corse automobilistiche si troverà invece a proprio agio per la presenza dei tasti F1, F2 e così via sino ad F8. Le maggiori difficoltà le avranno i telegrafisti che sono abituati ad usare un tasto solo: infatti il Commodore 64 non capisce il codice Braille (che è appunto il codice dei telegrafisti, ci pare).

Sul retro del calcolatore si trovano tutta una serie di prese, presine, jack, spinotti, che è molto divertente collegare tra loro per cortocircuitare la macchina, la quale reagisce emettendo un caratteristico segnale d'allarme: uno sbuffo di fumo nero con diverse scintille. La cosa è ancora più interessante se il calcolatore non è vostro ma di un vostro amico.
Se aprite la macchina potete osservare tutta una serie di strane cose nere con zampette metalliche, che un amico ci ha assicurato essere importanti per il funzionamento di questo diabolico aggeggio. Uno in particolare, con la scritta "6510" pare sia importante per il funzionamento del diabolico baracchino: l'imperssione è confermata dal fatto che sostituendolo con un integrato 3406 ed un 3104 il Commodore non va più anche se la somma è la stessa.

Sulla guida c'è scritto che il Commodore ha 64 K di memoria. Noi abbiamo trovato un K solo, sulla tastiera, ma probabilmente gli altri sessantatre li hanno nascosti da qualche parte.
Comunque il Commodore 64 è una macchina molto semplice da usare, specialmente se non seguite la Guida allegata che contiene abbastanza errori da far crollare due governi italiani o quindici governi di qualunque altra nazione (meno coriacei).
Il prezzo del 64 varia dalle 800.000 lire alle 450.000, a seconda di quanto vi ladra il rivenditore, ed è venduto nei computer shop, nei grandi magazzini, nei negozi di giochi, nelle tabaccherie, nei mercati ortofrutticoli e nelle bancarelle della "Famiglia Cristiana" davanti alle chiese la domenica.

***

FIDBEK, le lettere dei lettori ed il consiglio degli esperti.

Cara Redazione, nel bank switching della language card on-board trovo impossibile effettuare le call al system monitor, a meno di effettuare un load accumulator indiretto indicizzato in page zero al dos restart address (versione 3.3). Come posso conservare il monitor senza riassemblarlo nella main memory, per usare il mini assembly della ROM?
Gaetano Scirea - Vaduz

The singer is singing a long song. Is she singing a short song? No, she is singing a long song. What is the singer singing? She is singing a long song. Who is singing? The singer is singing. Is the song long? Yes, the song is long. How is the song? The song is a long song.