zona franca, scopri il web con Luca Accomazzi
libri e articoli in vendita
accomazzi.net

Se vuoi iscriverti alla mailing list di Luca Accomazzi inserisci qui la tua mail:

Vuoi ricevere i messaggi immediatamente (50 invii / giorno) o in differita e in gruppo
(due invii / giorno)?

Subito

Gruppo

Nasdaq!

La borsa americana, sezione titoli tecnologici, è ripartita alla grande e in due degli ultimi tre giorni ha fatto segnare guadagni superiori al sei per cento.

Languisce, in controtendenza, il titolo Apple. Anzi, alcuni analisti hanno fatto pubblicamente abbassato le loro aspettative di lungo periodo sul titolo. Perché?

La cosa è tutt'altro che chiara, ma molti indizi puntano in una direzione: Fred Anderson, responsabile finanze della casa di Cupertino, potrebbe aver rivelato a quegli analisti alcune informazioni che al pubblico generico non sono consciute. L'avrebbe fatto ora perché la legge americana impedisce ai dirigenti delle grandi società di spifferare alcunché durante il mese precedente l'annuncio dei risultati di bilancio (e poco ci manca).

Secondo il sito americano MacNN, Anderson avrebbe rivelato agli analisti che le vendite di iMac stanno rallentando. Non è una sorpresa, visto che questi modelli sono sul mercato da otto mesi. In passato, Apple ha rinnovato la gamma degli iMac ogni sei-nove mesi.

Quel che ci disturba è vedere come i dirigenti di Apple trattino i loro azionisti con due pesi e due misure, offrendo notizie pregiate in anteprima agli analisti ma senza però peritarsi di comunicarle al grande pubblico.